Partecipa a Colline d'Oro

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

MOSCUFO - ANNOSA PROBLEMATICA DELLA PUBBLICA ILLUMINAZIONE CITTADINI SPESSO LASCIATI AL BUIO

il gruppo di minoranza chiede l'affidamento a CONSIP

Condividi su:

La minoranza del Comune di Moscufo ha presentato in consiglio comunale una interrogazione in riferimento all’annosa problematica degli impianti di pubblica illuminazione del paese richiedendo l’affidamento a CONSIP.

La situazione generale dello stato degli impianti di pubblica illuminazione è disastrosa e non si può sottacere il fatto che da tanti anni e in particolare nell’ultimo periodo, si sono evidenziate sempre di più le criticità e i disservizi sul territorio, con zone lasciate completamente al buio.

Lampade spente di sera e accese di giorno, oppure guaste, nonché a volte con mancati interventi o incompleti, che hanno determinato per i nostri concittadini non solo disagi, ma potenziali pericoli che possono provenire per l’assenza dell’illuminazione e non solo.

Lampioni vecchi e piegati, pali corrosi dalla ruggine, portalampade completamente oscurati, come quelle del parcheggio di largo Garibaldi e via Aldo Moro, lampade che funzionano a singhiozzo, luci rossastre che colorano il cielo e provocano un alto livello di inquinamento luminoso, alcune linee presentano ancora fili volanti ( come via Ugo Foscolo zona cimitero) non interrati che non rispondono affatto alle norme di sicurezza UNI E CEI.

A tal riguardo abbiamo approfondito la materia attraverso testi giuridici e amministrativi , in primis la circolare del Ministero dell’economia e delle Finanze che impone alle Amministrazioni a affidarsi a CONSIP S.p.A. (concessionaria servizi informativi pubblici) per l’approvvigionamento di beni e servizi al territorio nell’ambito del programma di razionalizzazione della spesa delle pubbliche amministrazioni. Ci siamo chiesti se l’amministrazione abbia agito sino ad oggi , in termini strategici e di programmazione, per risolvere definitivamente tale incresciosa situazione. A noi risulta finora solo il ricorso ad interventi tampone che non si sono mai rivelati risolutivi ed efficaci e a conti fatti hanno determinato solo un aggravio di spesa per l’ente. L’adozione della convenzione CONSIP consentirebbe lavori di manutenzione, messa in sicurezza, ammodernamento dell’impianto, ed efficientamento energetico di tutto il parco lampade del Comune, circa 800 punti luce. Questa scelta innovativa, per un massimo di nove anni, consentirebbe una bolletta più leggera, e non solo, perché il risparmio sui costi potrebbe finanziare investimenti per l’istallazione di nuovi punti luci in quelle zone del territorio ad oggi 2018, prive del servizio come contrada Pischiarano , via Giotto, contrada San Martino, via San Francesco.

Noi dell’ opposizione non riusciamo proprio a capire il motivo per cui non si è ancora provveduto ad aderire all’affidamento a CONSIP per la riqualificazione della pubblica illuminazione, per risolvere radicalmente tale incresciosa situazione. Altri paesi sono avanti “anni luce” mentre il nostro è incapace di fare una scelta drastica nell’interesse di tutti i Moscufesi che non meritano di essere lasciati al buio.

Altri paesi sono avanti “anni luce” mentre il nostro è incapace di fare una scelta drastica nell’interesse di tutti i Moscufesi che non meritano di essere lasciati al buio.

Condividi su:

Seguici su Facebook