Partecipa a Colline d'Oro

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

Evoluzione del sistema della qualità olivicola, "vent'anni in 5 minuti" con degustazione e dimostrazione

Condividi su:

Un grande ed importante evento è stato celebrato in occasione del ventennale della giornata mondiale dell'olivo dove sono stati festeggiati i primi vent'anni anche di un matrimonio perfetto quello tra qualità ed amore per i prodotti locali che il Consorzio Aprutino Pescarese insieme ad altri quattro ha mostrato al pubblico.

All'evento ha partecipato una delegazione di produttori del Consorzio associati: l'Azienda De Juliis Timando, l'Azienda Di Giacomo Sandro, l'Azienda Di Mercurio Claudio - Frantoio Hermes, l'Azienda Giancaterino Giuliano - Frantoio Goccia D'Oro.

Presenti all'incontro anche il Presidente dell'OP Abruzzo Oleum il Dr. Luciano Di Massimo ed il Presidente Silvano Ferri del Consorzio Aprutino Pescarese.

Come ha tenuto ha spiegare proprio il presidente Ferri "gli oli in degustazione sono stati molto apprezzati anche in abbinamento alla pasta locale e tipica che l' Azienda Rustichella D'Abruzzo di Pianella ha fornito per l'occasione nel formato 'chitarra' ".

Unaprol - Consorzio Olivicolo Italiano ha celebrato la giornata mondiale dell’olio di oliva, indetta dal COI, ieri, martedì 29 novembre a Roma ed in tale circostanza, dopo la lettura del messaggio celebrativo dell’evento, nel corso del convegno è stato affrontato, dal punto di vista scientifico, il tema dell’evoluzione del sistema della qualità olivicola con particolare riferimento al sistema delle denominazioni di origine.

L'evento ha visto oltre all'intervento di Silvano Ferri, Dop Aprutino Pescarese, il Presidente del Consorzio testimone degli aspetti nutrizionali dell'olio delle colline abruzzesi anche quelli di Federdop di Daniele Salvagno, Franco Spada Dop Brisighella, Vincenzo Massari Dop Colline di Brindisi, Stefano Petrucci Dop Sabina, Luciano Stocchi Dop Canino.

E proprio quest’anno, infatti, ricorre il ventesimo anniversario del riconoscimento europeo delle prime cinque DOP dell’olio di oliva della UE, di nazionalità italiana: un vero primato per l'economia del Paese.

Condividi su:

Seguici su Facebook