Partecipa a Colline d'Oro

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Antonio Penne e la leggenda napoletana “o palazzo d’o Diavulo”

Condividi su:

Remo di Leonardo

Tempo fa, durante un viaggio a Napoli, camminando nei pressi del Largo Banchi Nuovi in pieno centro storico, mi sono ritrovato davanti ad un vecchio palazzo rinascimentale abbandonato.

Chiesi cortesemente ad una signora del quartiere informazioni sull’edificio e lei immediatamente a mo’ di scongiuro mi rispose facendosi velocemente il segno della croce: Signò chistu è o palazzo d’o Diavulo

E’ stato così, cari lettori, che sono venuto a conoscenza del palazzo “Penne” e della leggenda che lo accompagna, una notizia che credo siano in pochi in Abruzzo a conoscere e per questo lho ritenuto utile pubblicarla.

Il palazzo venne costruito nel 1406  da Antonio Penne (o di Penne), proveniente dalla cittadina abruzzese di Penne, in provincia di Pescara, da famiglia benestante.

Le prime notizie certe che si hanno di Antonio Penne sono del giugno del 1391 quando era consigliere di re Ladislao d’Angiò Durazzo.

Nel 1399 ottenne la nomina di compilatore di concessioni reali, nel 1403 è “pubblico apostolico imperiale notaro autorizzato alla compilazione dell’atto di procura del matrimonio tra il duca Guglielmo d’Austria e Giovanna Durazzo” (la futura regina Giovanna II).

Alla morte di Antonio Penne, il palazzo passò al nipote Onofrio, finchè gli ultimi eredi (Fabrizio Penne, Giuseppe e Giuliano Sapino Penne, e Giovanni Sorgente) lo vendettero alla famiglia Rocca (o Rocco) e, infine, nel 1558, ad Aloisia Scannapieco Capuano che, a sua volta lo donò, in fedecommesso, al figlio Giovan Geronimo, consorte di Lucrezia de Sangro.

Alla costruzione del palazzo “Penne” è legata una leggenda napoletana; si vuole infatti che il palazzo sia stato costruito in una sola notte dal Diavolo in persona, per volere dello stesso Antonio Penne che aveva con lui suggellato un patto col sangue.

A ricordo di questo nostro illustre personaggio e della suddetta leggenda, sperando di aver fatto cosa gradita ai lettori, agli appassionati di storia e del dialetto, ho pensato di scrivere la leggenda del “Palazzo del Diavolo” in vernacolo pianellese, una koinè molto vicina a quella pennese e quindi della parlata della città di Penne.

Trascrizione in vernacolo pianellese. Lu Diahule de lu palazze Penne.

Lu Palazze Penne è n’andeche palazze ‘de Napule, che se trove ‘m-bò cchiù annienze de Larghe Banghe Nuve, vecene a Mezzecannone. Sopre a ‘stu palazze s’ arecconde ‘na viecchia leggende ch’aresaje a lu tembe de quande à state fabbrecate, e che angore uoje è cunusciote  nghe  lu nome  de “ lu palazze de lu  Diahule”.

Quanne ‘Ndonie de Penne menese  a ‘sta cettà pe’ la prema vote tand’anne fa, ere lu mille quattrecende e sei, s’annammurese de ‘na fommene veramende belle che n-ze cunosce cchiù  lu nome, che tenoje nu sacche de pretenniende, nu juorne j’ dicese a  ‘Ndonie Penne che ji’ joje appresse, che se l’avesse spusate solamende se j’avessse frabbecate nu palazze pe’ osse, come pegne d’amore, dondre a ‘na sola nuttate. ‘Ndonie accuscè accumengese a penzà ‘na manire come arescerce e cuscè penzese de vonne l’aneme  a lu Diahule. Ma sopre lu cuntratte, fermate nghe lu sangue, però, arescese a farce ‘ngastrà ‘na scrette da legge sole ‘na vòte fenete lu Palazze.

Azate lu palazze, lu Diahule, seccome  a che la scrette avoje da cundà tutte le  vache de ‘na grossa sporte de rane. Fenete de cundà lu  nummere nen ere chelle juste, pecchò Penne spannese  de la poce sopre le vache, che s’attacchese  sott’ all’ogne de lu Diahule. Chuste, fatte fesse, s’arrajese, ma ‘Ndonie Penne se facese lu sogne de la croce e aprese nu busce  mmezze ‘a lu curtele, nu pozze che le  facese sprufunnà a lu ‘mberne e che angore uoje se trove  allellà.

Traduzione in Italiano. Il Diavolo di Palazzo Penne.

Palazzo Penne è uno storico palazzo di Napoli, situato nelle prossimità di Largo di Banchi Nuovi, vicino Via Mezzocannone. Su questo palazzo aleggia un’antica leggenda che risale al tempo in cui fu costruito, e che ancora oggi fa che la costruzione sia nota come “il palazzo del Diavolo”.

Quando Antonio Penne giunse in città parecchi secoli or sono, nel 1406, si innamorò di una giovane bellissima della quale si è perso il nome, che aveva tanti corteggiatori e disse all’uomo che lo avrebbe sposato soltanto se le avesse costruito un palazzo, come pegno d’amore, in una sola notte. Antonio pensò dunque al modo attraverso cui riuscirci, e decise di chiedere l’aiuto del Diavolo, che in cambio volle l’anima. Nel contratto che firmò con il sangue, tuttavia, riuscì a inserire una clausola da rivelare solo a edificio ultimato.

Terminato il palazzo, il Diavolo, secondo quella clausola, doveva contare tutti i chicchi di un sacco di grano. Al termine della conta il numero non era esatto, perché Penne cosparse della pece sui chicchi, che si attaccarono sotto le unghie del Diavolo. Costui, ingannato, si arrabbiò, ma Antonio Penne si fece il segno della croce e si aprì un buco nel mezzo del cortile, un pozzo che lo fece ritornare all’Inferno e che ancora oggi si trova lì.

 

Note.

Per la ricostruzione della leggenda  mi sono avvalso del testo in napoletano e della traduzione in lingua italiana di  Francesco Pipitone “o palazzo d’o Diavulo” .  

La traduzione non è stata difficile in quanto le radici del dialetto  dell’ area vestina,  e in generale abruzzese, ha molto in comune con il dialetto napoletano, essendone, per ragioni storiche e geografiche, fortemente influenzato.

 

 

 

 

Condividi su:

Seguici su Facebook