Rimani sempre aggiornato sulle notizie di collinedoro.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Pianella. La famiglia Di Battista risponde all'Architetto Trisi e all'Assessore Faieta

| di Redazione
| Categoria: Cronaca
STAMPA

Riceviamo e pubblichiamo la risposta della famiglia Di Battista all' Architetto Trisi Fabrizio Responsabile dell'Area Gestione del Territorio del Comune di Pianella, e all’Assessore con delega ai Cimiteri per il Comune, Antonio Faieta.

Protagonista del “caso” è il Sig. Vincenzo Di Battista, nato e residente a Pianella che aveva espresso la volontà di essere inumato (leggi qui l'articolo): il Sig. Vincenzo è deceduto il 22 agosto, presso l’Ospedale Civile di Penne, e il suo desiderio non è stato soddisfatto secondo la famiglia, che sarebbe stata quindi costretta a seppellire il defunto a circa 100 km di distanza presso il cimitero di Colonnella (Te).

Ecco quanto riportato dalla famiglia

Alle dichiarazioni del dirigente e dell’assessore, che nemmeno conosciamo e che, in un caso così spiacevole avrebbero potuto rispondere solo con "dignitoso silenzio", nonostante avessimo pensato di rimanere chiusi nel nostro doppio dolore, quello della perdita del nostro defunto e quella di andarlo a seppellire a 100 km ci corre l’obbligo morale di dire che la morte è una cosa seria e va rispettata. Il pensiero vada a tutti quei terremotati che hanno perso la vita. Di fronte a tale sciagura ed alla morte, almeno si abbia il rispetto di "non dire più bugie".

  1. L’architetto ha fatto la determina 217 il 3.6.2016, che definisce le tariffe per inumazione a € 600 + iva. Lo ha già stabilito. Per questo motivo ci eravamo recati in Comune per richiedere l’inumazione e richiedere l’ban per il pagamento dei diritti. A settembre cos’altro deve stabilire per far riposare in pace i morti?
  2. Quali posti si devono liberare? Un posto ha dichiarato il dirigente che era disponibile. Anche se ne fosse servito un altro per gli indigenti (a Pianella ne capita uno ogni 4/5 anni) si sarebbero potuti liberare i posti, perché, altra bugia, non è vero che non si possono eseguire le operazioni anche in estate. L’art. 26 della L R 41 /2012 prevede infatti che le operazioni di esumazioni ordinaria possono essere effettuate durante tutto l’anno.
  3. L’inumazione a costo zero? Altra bugia: nelle tariffe comunali, costa 600 € piu’ iva, non è gratuita affatto, lo era in passato.

La famiglia Di Battista è una famiglia semplice e non ha inteso fare nulla, se non incassare il colpo dell’inumazione legata al proprio familiare dal Comune di Pianella, legata al disagio di non poter andare liberamente a pregare sulla tomba del proprio congiunto. Una dignità negata, seguita da tre riposte che sono tre menzogne che, tramite il proprio amico / legale è riuscita a far emergere. Solo tanta tristezza: la morte di un familiare, un funerale rimandato nell’incertezza dell’accoglimento del defunto presso il cimitero di Pianella. L’accoglimento negato contravvenendo a un DPR nazionale, riposte a nostre lecite e amare rimostranze con menzogne che possono essere chiarite da una legge regionale di cui abbiamo fatto ricerca e parlato sopra. Ma nel Comune di Pianella, la coscienza ed il senso del dovere esistono?

Con il caso “Di Battista” il Comune di Pianella non ha fatto emigrare un morto, ma la dignità di una famiglia intera e della comunità che si è stretta al doppio dolore dei congiunti. Forse da Pianella, a queste condizioni e con tale oligarchia, conviene andarsene già da vivi e non aspettare l’esilio da morti del comune.

 

Redazione

Contatti

redazione@collinedoro.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK