Rimani sempre aggiornato sulle notizie di collinedoro.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

UrbeX o Urban Exploration il nuovo libro fotografico di Daniele D’Ambrosio

Viaggio a ritroso nel tempo portando alla luce ricordi ormai sepolti

| di Remo di Leonardo
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Remo di Leonardo

È uscito da poco il libro fotografico UrbeX V.2 di Daniele D’Ambrosio, appassionato fotografo pianellese classe 1986, è con questo libro alla sua seconda esperienza editoriale, la prima è stata con il libro UrbeX V.1 risalente al 2020 e pubblicata dalla stessa casa editrice “Blurb”.

La copertina rigida, del formato 25×21 cm., è stata illustrata dal giovane pittore Kristian Rama e contiene 87 fotografie a colori divise in quattro sezioni: chiese e luoghi di culto; le scuole e gli istituti pubblici abbandonati; ospedali e manicomi; i giganti del cemento, inquinamento e degrado ambientale.

Il titolo del libro UrbeX” V.2, richiama la tipologia fotografica che lo contraddistingue che è quella dell’esplorazione urbana, o urban exploration (UrbeX), che consiste nel cercare strutture ricche di storia, vissuto e bellezza architettonica, abbandonate a sé stesse e fotografarle per ridare loro una “seconda vita”.

La passione per l’UrbeX, come Daniele stesso racconta, è nata per caso, visitando un piccolo paese dell’Abruzzo ormai popolato solo da qualche anziano, con abitazioni diroccate e nel loro interno mobilie e suppellettili. Da lì l’esplorazione di ex ospedali, cliniche psichiatriche, scuole, chiese, teatri, fabbriche, cimiteri, fino ad interi paesi fantasmi. Le fotografie sono state scattate tra 2019 e il 2020.

Daniele D’Ambrosio ha iniziato il suo approccio con la fotografia nel 2006 con una reflex analogica e una Pentax K1000 del 1980, fino ad arrivare all’attuale fotografia in digitale, mantenendo sempre viva la passione per la pellicola e continuando a collezionare ed utilizzare vecchie reflex, dalle giapponesi alle russe.

Per questo progetto fotografico ha usato una reflex Canon Eos 800 D con la tecnica della lunga esposizione in quanto essendo gli ambienti e soggetti fotografati luoghi molti bui, come spiega l’autore, occorre montare la reflex su un cavalletto e scattare la foto di uno o due secondi.

È un libro davvero molto bello. Uno di quelli che trovano un posto speciale non solo nel cuore e nella mente degli appassionati della fotografia ma anche in coloro che amano scoprire le infinite emozioni che nascono, come viene scritto in premessa, “nell’ esplorare posti carichi di storie, di vite vissute viaggiando a ritroso nel tempo, portando alla luce ricordi ormai sepolti”. 

Temi ed emozioni che, in modo parallelo, affrontati in un mio articolo comparso su Lacerbaonline nel mese di giugno del 2020 e che descrivono la situazione di decadimento nell’area vestina, in particolare di Pianella, di molti immobili, vecchie scuole, cinema, palazzi, chiese, oggi luoghi abbandonati e oggetto, a volte, di occupazioni arbitrarie di sbandati, tossicodipendenti o ricovero per animali.

Il libro UrbeX V.2, come il precedente, esce in stampa con tiratura limitata e numerata e si può acquistare su Amazon/Ebay oppure direttamente dall’autore scrivendo a: vendite.dambrosio@gmail.com . o danieledambrosioph.it/buy#main.

Remo di Leonardo

Contatti

redazione@collinedoro.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK