Partecipa a Colline d'Oro

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Stipulata la convenzione per operazioni di protezione civile tra il Comune di Spoltore e la Croce Rossa Italiana Comitato di Spoltore

Condividi su:

Stipulata la convenzione per operazioni di protezione civile tra il Comune di Spoltore e la Croce Rossa Italiana Comitato di Spoltore. L'importante atto di cooperazione tra l'Ente locale e il Comitato territoriale dell'Organizzazione umanitaria più grande del mondo è stato sottoscritto al Palazzo di Città tra il dott. Mauro Tursini del Settore Patrimonio, Ambiente, Cimitero e Provveditorato ed il dott. Pierluigi Parisi Presidente della CRI di Spoltore.

La convenzione finalmente regola in maniera puntuale e articolata la partecipazione della Croce Rossa alle attività di protezione civile necessarie a garantire capacità di intervento operativo sia in fase di prevenzione che in fase di criticità e di emergenza, particolarmente per tutte le esigenze relative ai rischi di tipo meteorologico, idrogeologico e idraulico; rischi di tipo sismico, industriale e rischio incendi.

Il Comitato di Spoltore della Croce Rossa Italiana ha le capacità e le risorse umane, materiali e logistiche per fronteggiare le più disparate e complesse esigenze emergenziali, come peraltro ha sempre fatto sin dalla sua costituzione avvenuta poco meno di 6 anni fa. Operatori di emergenza, soccorritori sanitari, medici, infermieri, psicologi, operatori sociali e psicosociali, specialisti di soccorso acquatico e con mezzi e tecniche speciali, oltre al nucleo del Corpo Militare Volontario CRI; tutti volontari appositamente formati nelle rispettive specialità per intervenire nelle situazioni più disparate.

Grande la soddisfazione del sindaco di Spoltore Luciano Di Lorito e del presidente CRI Pierluigi Parisi per il consolidamento di un rapporto di collaborazione già solido e che riafferma in maniera significativa quello spirito di sussidiarietà che persegue l'interesse generale, la vicinanza e la cura del proprio territorio e della propria comunità.  

 

Condividi su:

Seguici su Facebook