Partecipa a Colline d'Oro

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Servizi di mensa e trasporto scolastico: riduzioni per secondo e terzo figlio, agevolazioni per Caprara

Condividi su:

Nei giorni scorsi, con una delibera di Giunta, sono state approvate le nuove tariffe relative ai servizi di mensa e trasporto scolastico per l’anno 2016/2017.

“Abbiamo cercato di mantenere l’assetto delle esenzioni e delle agevolazioni già previste lo scorso anno, introducendo una riduzione del 50% per il secondo e terzo figlio che fruiscono dello stesso servizio, a prescindere dalla fascia di reddito, prevedendo un’ulteriore fascia di contribuzione per il servizio di trasporto e reintroducendo delle particolari agevolazioni per i cittadini di Spoltore che iscrivono i propri figli nel plesso scolastico di Caprara, nonostante risiedano in altre zone della città. L’intento è quello di mantenere in vita tale scuola ed evitare lo spopolamento del paese”, ha spiegato l’Assessore alla Pubblica Istruzione Loris Masciovecchio.


Ecco nel dettaglio le tariffe per il servizio di mensa scolastica, definite in base alle fasce Isee.

L’esenzione è prevista per chi ha un reddito non superiore a 5 mila euro. Il costo è di 3 euro per gli appartenenti alla seconda fascia, il cui reddito Isee arriva fino a 9 mila euro. Si paga 3,50 se non si va oltre la soglia di 12 mila euro; 4,00 euro fino a 16 mila; 4,50 se non si superano i 20 mila euro e 5,00 per chi appartiene alla fascia più alta, il cui reddito Isee è maggiore di 20 mila euro, e per i non residenti. È prevista una riduzione del 50% per chi ha più figli che fruiscono dello stesso servizio. 2,50 euro è invece il costo della mensa per gli alunni che frequentano la scuola dell’infanzia di Caprara, ma risiedono altrove.

Per il quarto figlio che beneficia dello stesso servizio e per gli studenti diversamente abili, che appartengono a famiglie con reddito Isee non superiore a 12 mila euro, c’è l’esenzione. Bisogna presentare l’apposita richiesta, per poter usufruire delle relative agevolazioni.


Le tariffe annuali per il servizio di trasporto scolastico sono le seguenti. 

Resta l’esenzione per chi appartiene alla prima fascia (0,00 – 5,00 euro); 130 euro è il costo per chi ha un reddito non superiore a 8 mila euro; 160 per chi appartiene alla terza fascia, che arriva fino a 12 mila euro, 200 per chi non supera la soglia dei 16 mila euro e 250 per chi appartiene alla fascia più alta. Anche gli alunni non residenti pagano 250 euro. È inoltre prevista una riduzione del 50% per il servizio di solo andata o solo ritorno, per il secondo e terzo figlio che fruiscono del servizio, ai quali però non sarà applicata un’ulteriore riduzione nel caso di richiesta del servizio di solo andata o solo ritorno.

Sono esenti dal pagamento: il quarto figlio e gli alunni diversamente abili. Inoltre, non pagano il servizio di trasporto gli alunni di prima e seconda fascia, che frequentano la primaria e l’infanzia di Caprara e che risiedono in determinate zone: ex Contrada Cavaticchi, Villa Santa Maria, Via Torretta, Via Santa Lucia inferiore in prossimità di Santa Teresa. Il trasporto agli aventi diritto a tali esenzioni verrà garantito in presenza di un certo numero di richieste.

La contribuzione per il servizio di trasporto può essere pagata in due rate, la prima contestualmente alla richiesta e la seconda entro il mese di febbraio dello stesso anno scolastico, mentre quella ridotta del 50% va saldata nel momento della richiesta del servizio.
 

Condividi su:

Seguici su Facebook