Partecipa a Colline d'Oro

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

A Moscufo si ricorda Roberto Padula, il commercialista che ha donato tutto al suo paese

Senza eredi ha lasciato i suoi beni al Comune; oggi Messa in suffragio

Redazione
Condividi su:

Aveva lasciato in eredità il suo patrimonio, stimato in circa 500 mila euro di valore, al Comune di Moscufo per "contribuire all'arricchimento culturale dei moscufesi".

La storia d’altri tempi di Roberto Padula, il commercialista di Moscufo morto il 7 marzo del 2013 è ancora forte tra i suoi concittadini. Egli avrebbe compiuto 65 anni il 3 aprile dello stesso anno e non avendo congiunti ha destinato tutti i suoi beni alla comunità cittadina: un locale commerciale a Villa Raspa di Spoltore, una villetta a Moscufo piena di libri, quadri, mobili pregiati e di una collezione di oltre 10 mila pezzi fra vecchi dischi di vinile e cd musicali.

La sua comunità è ancora grata per questo gesto e oggi, sabato 12 marzo 2016, a distanza di tre anni dalla sua morte, ci sarà una Messa in suffragio di Padula a Moscufo.

Il sindaco Alberico Ambrosini e l’Amministrazione comunale infatti vogliono ricordarlo con affetto, sempre grati per il gesto di grande altruismo dimostrato in occasione delle volontà testamentarie.

La Santa Messa ci sarà alle 18.30 presso la Chiesa di San Cristoforo.

Condividi su:

Seguici su Facebook