Partecipa a Colline d'Oro

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Marinelli : “Filippone chiede soldi pubblici per rimediare ai suoi errori”

Condividi su:

Arriva la replica dell’amministrazione comunale alle esternazioni del consigliere di minoranza Filippone che ha inoltrato una richiesta all’ente per la sistemazione dell’area pertinenziale del palazzo Sabucchi sito nella frazione di Cerratina.

“ A beneficio della memoria del consigliere Filippone, spiega il sindaco Sandro Marinelli, occorre precisare che si tratta di un progetto approvato nel 2003 ed inaugurato nel 2007, periodo nel quale Filippone occupava ininterrottamente e senza grandi risultati il ruolo di assessore, anche con delega ai lavori pubblici.”

“ Posto che fu proprio la giunta di cui faceva parte ad approvare la destinazione ad area verde dello spazio retrostante il palazzo ed a prevedere che fosse recintato, appare oggi singolare che Filippone chieda all’attuale amministrazione di spendere circa 25.000,00 per rimediare evidentemente alla scarsa lungimiranza di chi, all’epoca, non si accorse che la soluzione realizzata era poco funzionale”.

“ Purtroppo, oltre alle scelte poco funzionali, l’eredità dell’epoca Filippone-D’Ambrosio, ci ha portato una mole impressionante di debiti che costringono il bilancio comunale dentro binari strettissimi dettati dall’esigenza prioritaria di risanamento.”

“Tuttavia – aggiunge il primo cittadino -, siamo recentemente intervenuti proprio sul palazzo Sabucchi con interventi di manutenzione ordinaria in relazione al ripristino delle barriere anticolombi e dei dissuasori di sosta, oltre che con la periodica opera di sfalcio delle erbe; inoltre, grazie alla collaborazione con il centro diurno anziani, abbiamo ripristinato la funzionalità dell’ascensore che, ulteriori infelici scelte progettuali, rendevano non utilizzabile.”

“ In ogni caso – conclude il sindaco – gli uffici verificheranno eventuali disfunzionalità dell’area, ma di certo non abbiamo disponibilità finanziarie da investire per rimediare agli errori altrui.”

Condividi su:

Seguici su Facebook