Partecipa a Colline d'Oro

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

Referendum Costituzionale 2016: nasce il Comitato ''Si vota Sì - Pianella''

Redazione
Condividi su:

E' stato costituito a Pianella, il 31 marzo 2016, il Comitato che sosterrà la scelta del ''SI'' nella campagna politica che porterà al referendum confermativo della riforma costituzionale.

Il voto è previsto per il prossimo autunno. I primi componenti del Comitato pianellese sono l'Avv. Luisa Sergiacomo, Presidente e portavoce, nonché il Geom. Marco Pagliaricci e il Perito Industriale Alessandro Tortora, i quali, in sintonia con lo spirito aperto dell'iniziativa, auspicano una corposa adesione. In sintesi, le modifiche apportate dalla riforma consistono nel superamento del bicameralismo perfetto, nella riduzione del numero dei parlamentari a Palazzo Madama, nel contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, nella soppressione del CNEL e nella revisione del titolo V della Costituzione.

Il Comitato è lo strumento con cui spiegare il significato di questa operazione ai cittadini, cercando il massimo coinvolgimento della cittadinanza, andando oltre gli stretti steccati della politica.

''Cuore della riforma costituzionale oggetto del referendum è l'abolizione del bicameralismo perfetto -  precisa l'Avv. Luisa Sergiacomo – che appare ormai disallineato e vetusto rispetto alle esigenze di una società complessa. L'obiettivo è quello di snellire l'iter legislativo riducendo i tempi di approvazione delle leggi, rendere più trasparente il procedimento ed aumentare così la rapidità e l'efficacia delle risposte del Parlamento ai problemi del Paese. Nel contempo, rilanciando il ruolo delle autonomie locali, si realizzerà un maggiore avvicinamento delle istituzioni alle esigenze del territorio, dei cittadini, delle imprese. La riforma si propone infatti di dare una grande responsabilità nazionale a Regioni ed Enti locali all'interno del Senato, superando l'illusione di poter creare autonomie separate, che finiscono fatalmente per litigare dinanzi alla Corte Costituzionale".

Condividi su:

Seguici su Facebook