Partecipa a Colline d'Oro

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

Miglioramento e modernità a Pianella; la replica al consigliere Di Tonto su lampade votive e Global Service

Condividi su:

L’amministrazione interviene con una nota di replica in risposta al consigliere Di Tonto che aveva espresso dubbi sul pagamento del canone per il servizio lampade votive e sulla revoca dell’appalto per il global service energetico.

 

“Le spese per il consumo di energia elettrica delle lampade votive – afferma il vice sindaco con delega ai cimiteri Antonio Faieta - sono state già anticipate dall’Ente, ciò rende evidente che vi è stato un consumo rilevante, contrariamente a quanto affermato dal consigliere di minoranza. Come per altre situazioni, purtroppo, non esisteva una banca dati delle lampade votive che, diversamente da quanto affermato da Di Tonto, abbiamo ricostruito punto per punto, rilevando anche eventuali anomalie di funzionamento e, pertanto, si è proceduto ad inviare le richieste di pagamento dei consumi arretrati agli utenti, senza interessi e con possibilità di rateizzazione, escludendo tutti le posizioni già segnalate tempestivamente all’ufficio cimiteri negli anni passati come malfunzionanti. Peraltro al consigliere è sfuggito che dal 2016 il costo annuo delle lampade votive è sceso da 30 a 20 euro, benché continui a parlare di aumenti”.

 

“Vi sono alcune posizioni, inoltre, per le quali sono stati registrati malfunzionamenti in sede di verifica preventiva, ma che devono essere approfondite per tipologia e datazione dell’eventuale disservizio e pertanto vanno effettuate in contraddittorio con l’utenza – aggiunge l’assessore – ma di certo non si può arrecare danno all’erario omettendo di richiedere il pagamento dei consumi, come va censurato il tentativo di veicolare fantasiosi diritti di esenzione dal pagamento del dovuto, stante l’esistenza di contratti mai disdettati, anche perché, nel caso in cui dovessero essere riscontrate segnalazioni di malfunzionamento non veritiere, l’amministrazione sarà costretta ad interessare la magistratura per i provvedimenti del caso”.

 

Sulla questione Global Service interviene invece il sindaco Sandro Marinelli:

“Richiedere ed ottenere una seduta segreta del consiglio comunale per poi contemporaneamente affidare ai comunicati stampa una sintesi della stessa, fornisce la dimensione di quale sia il grado di consapevolezza del ruolo rivestito da alcuni consiglieri comunali. Nello specifico, non vi è stata alcuna iniziativa della parte politica, ma l’annullamento della gara, peraltro aggiudicata solo in via provvisoria, è intervenuto mediante determina del responsabile del servizio e per ragioni che attengono alla tutela dell’interesse della pubblica amministrazione, mentre, pur consapevoli della necessità di migliorare la nostra rete di pubblica illuminazione, aspettiamo di sapere quali zone del paese siano attualmente al buio, poiché probabilmente il consigliere Di Tonto si confonde con qualche comune limitrofo”.

“Questa amministrazione – conclude il primo cittadino – sta cambiando radicalmente volto alla macchina amministrativa, profondendo un impegno costante in tutti i settori che la cittadinanza vede ogni giorno. Sull’efficientamento energetico, quindi, altro importante punto del programma amministrativo, dobbiamo prendere atto di quanto gli uffici hanno riscontrato ed individuare una nuovo percorso che, come in tutti gli altri settori, porterà risultati e miglioramenti per la cittadinanza, poiché l’obiettivo costante è di fare scelte di modernità, cambiamento ed efficienza”.

Condividi su:

Seguici su Facebook