Partecipa a Colline d'Oro

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Oggi la marcia per Ale, intanto emergono nuovi indizi per gli inquirenti

torna a parlare Laura, la madre di Alessandro " Ale non se lo aspettava"

Redazione
Condividi su:

Torna a parlare Laura Lamaletto, la madre di Alessandro Neri, questa volta lo fa lontano dalla Tv, ma come ci aveva abituati dall’inizio di questa triste storia: con un diretta Facebook.

Lo fa per ringraziare i tanti che in questi giorni le hanno mandato messaggi di solidarietà, e per rivolgere ancora una volta un messaggio chiaro all’assassino del figlio:

a quelli che hanno commesso questo grave errore continuerò a chiedere la confessione, io lo so perché ogni mamma lo sa in cuor suo, e io so che queste mamme sanno quello che hanno fatto i figli. Io mi rivolgo anche a voi, io non la voglio la sofferenza, però pensate per un attimo, mamme di queste persone, a quanto è liberatorio sapere che i vostri figli stanno facendo qualcosa per gli altri, qualcosa di buono. Vi chiedo per favore di confessare questo reato, nessuno vi farà del male. Io per quello che potrò vi proteggerò, però confessate per favore, confessate per Ale. Tu non volevi fare, ti è scappato il colpo, Ale non se lo aspettava .

Rilancia poi l’invito a tutti a partecipare alla fiaccolata “per la verità di Ale” prevista per questa sera alle ore 19.00 con partendo dalla  locomotiva della vecchia stazione e arrivo alla Nave di Cascella. «Un cammino retto», ha spiegato, «perché retta deve essere la strada»

Nel frattempo proseguono le indagini, ed emerge che Alessandro nell’ultimo mese di vita ha effettuato la formattazione di cellulare e computer per tre volte, ovvero ha cancellato tutti i dati presenti su essi, rendendoli nuovi come al momento dell’acquisto. Questa operazione sicuramente può essere necessaria se i dispositivi contraggono “ virus”, ma il fatto che sia stata effettuata con questa frequenza in così breve tempo fa sospettare agli inquirenti che Alessandro voleva cancellare messaggi o documenti “ pericolosi”, forse legati alla sua attività di compravendita on line.

Condividi su:

Seguici su Facebook