Partecipa a Colline d'Oro

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Sanità ed Enti Locali Abruzzesi: Nodi Aperti e Prospettive al Centro del Congresso Uil Fpl

Appuntamento mercoledì 28 marzo a Moscufo per fare il punto sulla pubblica amministrazione regionale con la partecipazione del segretario nazionale Michelangelo Librandi

Condividi su:

Pescara, 26 marzo 2018 – Rinnovo dei contratti, stabilizzazione dei precari nella sanità abruzzese, chiarezza sui dipendenti della Giunta regionale. Sono solo alcuni dei temi che saranno trattati mercoledì 28 marzo a Moscufo (Pe), nel corso del V congresso Uil Fpl Abruzzo, la categoria che rappresenta i lavoratori degli enti locali, della sanità e del terzo settore.

L’appuntamento, in programma alle 16.00 all’albergo ristorante “Il nuovo casereccio” in viale D’Annunzio, sarà aperto dalla relazione di Giuseppe De Angelis, segretario regionale Uil Fpl e vedrà la partecipazione di Michele Lombardo, segretario generale Uil Abruzzo, e Antonio Foccillo, segretario confederale Uil. Le conclusioni saranno a cura di Michelangelo Librandi, segretario nazionale Uil Fpl.

Spiega Giuseppe De Angelis:

Il congresso rappresenta un’occasione speciale per riflettere su temi nazionali e locali. Tra i primi, il recente rinnovo dei contratti della sanità, di cui approfondiremo contenuti economici e normativi. Sul fronte abruzzese, invece, chiederemo alla Regione la stabilizzazione dei precari della sanità, indispensabile in un quadro di diminuzione dei servizi. Al tempo stesso, chiederemo chiarimenti su alcuni aspetti normativi relativi ai dipendenti della Giunta regionale. Argomenti importanti, su cui apriremo un dibattito interno che ci attendiamo approfondito e partecipato. La presenza dei due segretari nazionali Foccillo e Librandi, infine, rende questo appuntamento ancora più importante e autorevole per un sindacato come Uil Fpl, da sempre interessato esclusivamente alla qualità professionale ed umana dei dipendenti della pubblica amministrazione.

Per il programma dell'evento, clicca qui.

Condividi su:

Seguici su Facebook