Partecipa a Colline d'Oro

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Moscufo. Approvato il bilancio di previsione 2016; assessore Di Domenico, "nessun aumento di tariffe comunali"

Condividi su:

Il Consiglio Comunale di Moscufo ha dato il via libera, a maggioranza, al bilancio di previsione per l’anno 2016 e al nuovo strumento del Dup, documento nel quale viene esplicitata l'intera progettualità comunale a partire dal piano triennale delle Opere Pubbliche.


Il documento economico, illustrato dall'assessore alle Finanze Massimo Di Domenico, vede invariati gli investimenti relativi ai settori della pubblica istruzione e dei servizi sociali, conferma gli stanziamenti relativi ai servizi al cittadino e non prevede alcun tipo di rincaro in merito alle tariffe comunali quali buoni mensa o trasposto scolastico. Prevede inoltre investimenti concreti nel campo dei lavori pubblici, azioni che trasformeranno il volto del nostro paese in maniera straordinaria.

“Nonostante le oggettive e sempre più evidenti difficoltà economiche, a cui gli Enti Locali sono costantemente chiamati a far fronte - dichiara Di Domenico - ancora una volta riusciamo ad approvare un bilancio che non prevede, in alcun modo, aumenti di tariffe comunali”.

“Con tanto lavoro e altrettanto orgoglio, abbiamo previsto investimenti nel settore dei Lavori Pubblici e mantenuto invariati, quindi con notevoli risorse, i settori dei servizi sociali e della pubblica istruzione. Inoltre ogni spesa improduttiva è stata del tutto eliminata. Moscufo non ha spese di rappresentanza né auto blu e i suoi amministratori viaggiano con mezzi e spese propri. Con questo importante lavoro di razionalizzazione – conclude l'assessore Di Domenico  – i cittadini residenti continueranno a pagare tasse basse e inferiori rispetto allo scorso anno, visto e considerato inoltre, che è stata completamente abolita anche la TASI sulla prima casa. Un bilancio concreto reso possibile solamente dall’attenta gestione, nonostante i ripetuti tagli a cui siamo sottoposti perennemente dagli enti sovracomunali”.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook