Partecipa a Colline d'Oro

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Un brindisi per le Feste

Cantine aperte in Abruzzo prosegue per tutto il mese di dicembre

Condividi su:

Le cantine “complici iniziative come Cantine Aperte, sono luoghi deputati all'accoglienza” ed infatti “non c'è cantina che non abbia uno spazio dedicato all’ospitalità e alle degustazioni” e “in questo processo di avvicinamento al pubblico dei consumatori stanno facendo da apripista anche per le imprese di altri settori come i caseifici del lattiero caseario o i frantoi nell'olio extravergine d'oliva”. Cantine che vengono “premiate come opere d'arte dalle riviste internazionali e sono sempre più strumento di attrazione dei territori” con il loro ruolo che “ormai sta quindi andando anche al di là di quello strettamente legato all'universo vitivinicolo”. Lo ha sottolineato il presidente del Movimento Turismo del Vino, Nicola D'Auria – riporta Il Sole24Orein occasione di “In & Out. Enoturismo + Export = il successo del vino italiano” a Napoli. 

Prosegue anche nel mese di dicembre “Cantine Aperte” anche nei nostri territori. L’iniziativa del Movimento Turismo Vino Abruzzo coinvolgerà molte cantine abruzzesi in un ciclo di eventi che arriverà fino alle soglie del nuovo anno. Primo appuntamento a Santa Maria Imbaro il 3 dicembre da “La Vinarte” (che replicherà il 10 e 17 dicembre) e a Torano Nuovo da “Stefania Pepe” (che replicherà il 7, 8, 10 e 11 dicembre) per proseguire il 7 dicembre da “Stefania Pepe” il 7, 8, 10 e 11 dicembre a Torano Nuovo, il  9 dicembre (e altri appuntamenti il 17 e il 18 dicembre) da “Faraone Vini” a Giulianova e poi da “Feudo Antico” a Tollo il 10 dicembre, “Cantinarte” a Navelli il 10 e 11 dicembre, “Vini Paolucci” a Paglieta il 16 dicembre, “Tenuta Ferrante” a Lanciano il 17 dicembre,  “Azienda Tilli” a Casoli il 18 dicembre, “Jasci Donatello” a Vasto lo stesso giorno e la chiusura del ciclo di iniziative a “Tenuta Oderisio” a Monteodorisio. 

 

Condividi su:

Seguici su Facebook