Partecipa a Colline d'Oro

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Ricostruzione, Fina: "Sì alla proposta di creare quadro normativo e amministrativo unico e uniforme"

Condividi su:

"Nel giorno del sesto anniversario della prima delle devastanti scosse sismiche che tanti lutti e danni materiali hanno causato in Abruzzo e nei territori delle altre regioni dell'Italia centrale, il pensiero non può che andare alle vittime e ai loro familiari, a chi ha avuto la vita stravolta e ancora oggi lotta per rinascere e ripartire": lo dichiara Michele Fina, segretario del Partito Democratico abruzzese e candidato al Senato.

Per Fina "le istituzioni sono chiamate a dare conto dell'andamento della ricostruzione, che troppi ritardi e rallentamenti ha scontato in una prima fase, a cui per fortuna si è posto in qualche misura rimedio in quella più recente. Sosteniamo per questo la proposta, che è anche della struttura commissariale, di evitare in futuro che tempo prezioso venga perso, un obiettivo da raggiungere creando un unico e uniforme quadro normativo e amministrativo, anche con l'istituzione di una struttura dedicata, chiamato a dare una cornice e il primo fondamentale impulso alla gestione di tutte le ricostruzioni. Questo obiettivo andrà rafforzato con la creazione di un ruolo governativo specifico per la sicurezza dei territori. Poi bisognerebbe riaprire il capitolo sismabonus 110 per cento, con tutte le modifiche necessarie contro la speculazione, per i territori sismici più esposti, come riportato nella carta sismica nazionale. La prevenzione è la migliore politica economica, per salvaguardare le vite umane e il patrimonio culturale dei centri appenninici, e non solo".

Fina conclude: "Per quanto riguarda nello specifico il percorso intrapreso nei territori di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, bisogna continuare a lavorare per semplificare e facilitare il processo della ricostruzione, non disperdere quanto piuttosto rafforzare i progressi conseguiti".

Condividi su:

Seguici su Facebook