Rimani sempre aggiornato sulle notizie di collinedoro.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Arturo Verrotti di Pianella e Il tempo mutato

| di Remo di Leonardo
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Remo di Leonardo

Tempo fa, durante alcune ricerche (smanettando) su internet, casualmente mi sono imbattuto nel nome di Arturo Verrotti di Pianella. Un cognome che richiama immediatamente a personaggi storici, appartenenti alla nota famiglia legata storicamente a Penne, Montesilvano e Pianella, di cui se ne ha testimonianza in libri, articoli, palazzi, monumenti, vie, piazze, larghi.  Con grande sorpresa ho scoperto che si trattava di un loro discendente. Quella aggiunta al cognome Verrotti non era riferita al luogo di nascita, bensì era un un toponimo legato alla terra natia dei suoi avi. Già professore universitario, esordisce come scrittore nel 2014 con il romanzo Il tempo mutato.

Arturo Verrotti di Pianella è nato a Milano nel 1962. Dopo aver conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia, ha vissuto all'estero, prima in Germania e poi negli USA, per svolgere ricerche in campo biomedico. Tornato in Italia, ha continuato gli studi intrapresi ed è diventato professore universitario. Nel 2009, lasciata l'Università, ha iniziato a scrivere. Sta attualmente lavorando al suo secondo romanzo.

Dice di sé : “Fin dall’adolescenza mi accompagnano due grandi passioni: la lettura e la scrittura.

Leggere è un bisogno essenziale, per imparare a ragionare, discernere, rapportarsi; una fonte immensa di ispirazione.

Scrivere è una necessità dell’animo, ma anche diligenza, costanza e metodo; un lavoro lento e spontaneo, in un libero fluire di pensieri e idee.

Un’accurata ricerca di informazioni e una minuziosa attività di revisione, rilettura e riscrittura sono passi fondamentali per mettere ordine in ciò che ho immaginato”.

Il tempo mutato

Martha Brenson è un bioarchitetto; Ariel del Canto, il suo fidanzato, è un entomologo. Vivono in un mondo dove il bene più prezioso è l’ossigeno, estratto da enormi torri tecnologiche per diffonderlo nell’aria in orari determinati e con potenza regolamentata; un’epoca post-apocalittica, nella quale vita e morte sono monitorate. Martha, incaricata di controllare il funzionamento di alcune centrali di estrazione, intraprende un viaggio attraverso la Confederazione Europea, accompagnata da Ariel.

Una morte sospetta, incontri ambigui, insolite scoperte: queste le premesse di un percorso che presto sconvolgerà le loro vite, un viaggio in cui saranno costretti a lottare per la propria sopravvivenza e quella del pianeta. Una storia emozionante, nella quale il cinismo e l’avidità di alcuni si scontrano con la caparbietà e gli ideali dei protagonisti. Una storia d’amore.

Remo di Leonardo

Contatti

redazione@collinedoro.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK