Partecipa a Colline d'Oro

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Spoltore s'illumina di blu per l'iniziativa sull'autismo; la parola all'esperto

La Dottoressa De Federicis parla dell'autismo

Condividi su:

Il Comune di Spoltore ha celebrato la Giornata Mondiale per la consapevolezza dell’Autismo, istituita dalle Nazioni Unite nel 2007: nella serata di ieri il Convento di San Panfilo si è magicamente illuminato di blu, colore della conoscenza e della sicurezza.

Sulla facciata della struttura del Convento uno striscione ha ricordato l’hashtag lanciato per l’occasione #micolorodiblu: un monito forse, un invito ad abbracciare idealmente tutti coloro che soffrono di autismo, e le loro famiglie che talvolta sono vittime di una società che fa difficoltà a comprendere e che appunto dovrebbe essere istruita sul problema.

A dare il via all’illuminazione è stato il sindaco Luciano Di Lorito, che ha dichiarato: “non bisogna mai chiudere gli occhi davanti a ciò che non si conosce, ma comprendere e contribuire alla nascita di una società più inclusiva”.


“E’ nostra intenzione replicare tale iniziativa ogni anno" - ha affermato l’assessore alle Politiche Sociali Carlo Cacciatore, ringraziando la cittadina Antonella Damiani per la collaborazione; tra i presenti, c’erano anche il Presidente del Consiglio Lucio Matricciani, i consiglieri comunali e il comandante della stazione dei Carabinieri di Spoltore Silvio Tomassini.

 

Ma cos’è l’autismo?

Per avere le idee più chiare su questo problema, è sembrato opportuno dare la parola ad un esperto, la Dottoressa  De Federicis Alessandra, Consulente ABA- VB.

“Intanto l’autismo è una patologia di cui ancor oggi non sono ben note le cause: si ipotizza una teoria multifattoriale, nel senso che sono molteplici i fattori concomitanti che sembrano esporre a tale disturbo. Si tratta di un disordine che coinvolge e compromette il livello cognitivo, l’interazione sociale, uno degli elementi che maggiormente incide sulla prognosi è il deficit di comunicazione verbale.

Certi sono i dati epidemiologici che parlano di una proporzione 1 a 100, ovvero ogni 100 nati 1 sarà autistico, quindi parlo per gli insegnanti: ciò significa che in ogni 4-5 classi ci sarà un alunno con tali problematiche. E’ doveroso sottolineare la differenza tra un soggetto normotipo che vede un apprendimento dall’ambiente naturale e automatismi (capacità di trasferimento e generalizzazione delle abilità acquisite) e un soggetto autistico che ha predisposizione e strutturazione dei tempi e degli spazi di apprendimento ed esposizione ripetuta e massiva.  

A partire da tali premesse l’intervento che ad oggi dà migliori risposte e che trova sostegno anche presso le linee SINPIA sarà:

-individualizzato, personalizzazione di un curriculum adattate alle esigenze del bambino;

-precoce, la precocità rende possibile la sistematizzazione e la riorganizzazione delle esperienze percettive del bambino poiché le strutture encefaliche non hanno ancora assunto una definitiva specializzazione funzionale ma le funzioni mentali sono ancora in fase di maturazione e differenziazione;

-intensivo, sono richieste un numero minimo di ore settimanali di terapia per l’implementazione dei programmi;

-integrato, sono coinvolte tutte le figure che compaiono nei contesti di vita del bambino, ovvero scuola, famiglia, centro.

Sottolineo che tale intervento è noto come Analisi Applicata del comportamento, si propone il miglioramento di comportamenti socialmente significativi, cioè quei comportamenti utili all’inserimento del soggetto nella propria comunità sociale.

Le figure professionali che concorrono a determinare l’equipe di lavoro sono:

-supervisore, figura specialistica con formazione ovvero un corso teorico-pratico in ABA e con esperienza a sua volta supervisionata, il supervisore dovrà valutare il profilo di funzionamento del soggetto e stilare il programma di intervento monitorando il lavoro e revisionandolo periodicamente;

-terapisti: operatori opportunamente qualificati che sappiano implementare le procedure e le strategie  suggerite dal supervisore;

-insegnanti: è necessario che siano recettivi alla formazione in quanto senza tali strumenti il loro operato rischierebbe di essere inefficace e scarsamente incisivo, questi bambini hanno bisogno di figure preparate in quanto il tempo per loro è una risorsa importante, non possiamo permettere che trascorrano una porzione di tempo così importante come quello scolastico senza che questo sia per loro finalizzato e funzionale agli apprendimenti.

La presa in carico quindi prevede: diagnosi, stesura del programma di intervento, formazione degli operatori, supervisioni mensili, rivalutazioni periodiche del processo terapeutico. L’efficacia del trattamento sarà data da intensità del trattamento, competenze del terapeuta, durata del trattamento”.

Condividi su:

Seguici su Facebook