Partecipa a Colline d'Oro

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Notte Bianca dell'Adriatico, i numeri dell'assistenza e la sinergia tra associazioni

Condividi su:

Croce Rossa di Pescara, di Spoltore, di Cepagatti e di Penne, Misericordia di Pescara, Misericordia di Alanno e Manoppello Soccorso, in stretta sinergia per il grande evento della notte bianca dell'Adriatico prevista a Pescara per oggi, sabato 22 luglio. Le eccellenze delle associazioni saranno all'opera per garantire, in caso di necessità, interventi urgenti a tutela della salute dei partecipanti all'evento.

Un importante dispiegamento di forze del soccorso presteranno la prima assistenza, in caso di necessità, alle persone che invaderanno la nostra città per uno degli eventi più attesi ed importanti dell'anno.

Sul campo saranno schierati più di 70 unità che con 11 ambulanze su postazioni fisse, soccorritori che si muovono su quod, in bici, su segway, in moto ed a piedi da una postazione all'altra, saranno pronti ad intervenire per ogni evenienza. Sarà allestito, inoltre, un Posto Medico Avanzato all'ex COFA da circa 10 posti letto che farà da filtro per tutte le richieste di soccorso andando a sgravare il lavoro del locale pronto soccorso del nosocomio pescarese.

Sono questi, in sostanza, i numeri della complessa ma ben collaudata  macchina organizzativa messa in piedi dalle associazioni. 

"Tutelare la salute del cittadino è l'obiettivo principale di questo dispiegamento di forze e competenze che - dice Fabio Nieddu, Presidente del Comitato di Pescara - sarà determinante per far trascorrere delle ore di divertimento in serenità e tranquillità al numeroso pubblico che parteciperà all'evento".

Le associazioni, con i propri uomini e mezzi, saranno dislocati in vari punti della città per una copertura capillare e ridurre i tempi di intervento al minimo.

 "Complessivamente – continua il Presidente Nieddu – metteremo in campo circa 70 unità tra le varie associazioni, mobilitate dal primo pomeriggio di oggi sino all'alba coordinati e collegati l'un l'altro. Tutto questo, è stato possibile grazie alla scelta di quasi tutte le più importanti realtà associative della Provincia di Pescara di lavorare insieme e, ovviamente, grazie ai tanti volontari che, a prescindere dal colore della divisa che indossano, condividono gli stessi obiettivi nell'esclusivo interesse dei bisogni della cittadinanza".

Condividi su:

Seguici su Facebook