Rimani sempre aggiornato sulle notizie di collinedoro.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

ideò in Massachusetts l'Ospedale delle Scarpe. Michele di Tonno da Loreto Aprutino

| di Geremia Mancini
| Categoria: Personaggi
STAMPA

Michele Pasquale Giuseppe Di Tonno nacque a Loreto Aprutino (PE) in Via Mercato, l'8 maggio 1894, da Francescopaolo (quarantacinquenne "calzolaio" nato a Loreto Aprutino e figlio di Stefano e Geltrude Di Giulio) e da Vienna Germe (quarantottenne "donna di casa" nata a Fara Filiorum Petri (CH) e figlia di Luigi e Lucia Buccitti). Il suo atto di nascita fu registrato dinanzi all'Assessore Achille Luise.

I suoi genitori si erano sposati a Loreto Aprutino il 17 dicembre 1871 (in comune l'atto fu certificato dall'assessore Angelo Chiola).

Nel 1911 Michele emigrò, con il fratello Giovanni "John" (nacque a Gamberale il 2 luglio 1890 e morì a Wakefield il 30 aprile del 1967) negli Stati Uniti e stabilì la sua residenza nella città di Wakefield in Massachusetts.

All'inizio lavorò per la "Evens Shoe Company" (già nel 1805 Thomas Evans, il fondatore con il fratello Amos producevano scarpe) un colosso del settore. Poi aprì, forte del mestiere appreso dal padre, una propia attività a cui diede un nome particolare: "Wakefield Shoe Hospital".

Per il cittadini era di moda dire: "porto le scarpe in Ospedale". In breve Michele divenne una istituzione cittadina e ancora oggi il suo ricordo è tramandato.

Sposò, nel 1920, Elvira Presutto (n. 1897 – m. 1951) che gli diede quattro figli: Frank; Vienna; Nina e Tina.

Michele fu esponente di varie associazioni, tra le quali, "Order Sons of Italy" e "Red Men's  band".

Michele morì a Wakefield il 26 dicembre del 1960.

La figlia Vienna, nata nel 1923, è morta, aveva 95 anni, a Wakefield il 25 agosto del 2018.

Geremia Mancini

Contatti

redazione@collinedoro.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK