Rimani sempre aggiornato sulle notizie di collinedoro.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Megalò2. Forza Italia dice ‘no’ alla realizzazione del centro

| di Capogruppo Forza Italia Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri
| Categoria: Politica | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

“Forza Italia dice ‘no’ alla realizzazione del centro Megalò 2, sul quale pesa come un macigno il parere negativo espresso dal Segretario dell’Autorità di Bacino in quanto in netto contrasto con la normativa del Piano stralcio di difesa ambientale. Inoltre, mentre il rinvio di appena sette giorni dell’esame del fascicolo da parte della Commissione di Via regionale, dal 16 marzo a oggi, sembra voler agevolare il proponente, convalidando l’atto di vendita tra la uscente Sirec Srl e la Sile Costruzioni Srl, non ricorrono le condizioni di esame come ‘progetto realizzato o in corso di realizzazione’, come richiamato nel fascicolo, visto che il nuovo centro commerciale Megalò 2 non è stato ancora realizzato, né risulta essere stato aperto il cantiere. Sono queste le tre osservazioni che ho presentato personalmente al Dipartimento delle Opere Pubbliche – Commissione di Valutazione Ambientale, che oggi si è riunito di nuovo per esprimersi sul progetto di Via delle opere di messa in sicurezza ai fini idraulici dell’area Prusst e sulla modifica planimetrica dell’intervento edilizio di completamento per la realizzazione degli edifici commerciali di Megalò 2. Un progetto che necessita ancora di molti approfondimenti, sia sotto il profilo normativo che amministrativo, e contro il quale siamo pronti a dare battaglia, come ho già preannunciato durante la seduta di audizione”.

Lo ha detto il Capogruppo di Forza Italia alla Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri oggi ascoltato in audizione in Commissione di Via.

“Innanzitutto – ha spiegato il Capogruppo Sospiri – la norma prevede che i progetti sottoposti a Via devono essere realizzati entro cinque anni dalla pubblicazione per intero del provvedimento di Valutazione d’incidenza ambientale sul sito web dell’Autorità competente, pubblicazione che diventa data di decorrenza dei cinque anni. Ora, il giudizio sul progetto è stato rilasciato il 10 aprile 2012 e giungerà a scadenza, ovvero sarà inefficace, a partire dal 10 aprile 2017. A questo punto è facile dedurre che la necessità, e la fretta, di esprimersi in tempo utile, ossia prima del 10 aprile prossimo, anche sugli aspetti di diversa distribuzione dei volumi in variante al giudizio di Via del 10 aprile 2012 sembra avvantaggiare la ditta proponente nel reiterare il precedente giudizio di Via, in modo da far ripartire i cinque anni di tempo per la realizzazione del centro commerciale. In questo modo si andrebbe ad aggirare anche la norma secondo cui la procedura di Via va comunque reiterata sul progetto complessivo e non solo sulle singole componenti ambientali contenute nello studio presentato, ossia le opere di canalizzazione e regolazione dei corsi d’acqua e le modifiche di estensione ai progetti realizzati. Questo sembra giustificare il frettoloso rinvio a oggi, ossia di sette giorni, della seduta di Via, permettendo di convalidare l’atto di vendita tra due società  e permettendo alla nuova di far ripartire i termini per la validità del giudizio di Via".

"Poi: nel fascicolo si fa riferimento all’esame, da parte della Commissione Via, ‘dei progetti realizzati o in corso di realizzazione’: una corbelleria visto che è evidente che il centro commerciale Megalò 2, oggetto di esame, non è stato ancora realizzato, mentre non ci è dato sapere se i lavori per la sua costruzione sono iniziati, ma è certo che non è presente alcun cartello di cantiere con i dati dei lavori da eseguire e le autorizzazioni e licenze. Ciò significa che non ricorrono le condizioni per esaminare la proposta. Infine, dato ancor più rilevante, va tenuto in ferma considerazione – ha ancora sottolineato il Capogruppo Sospiri – il pronunciamento del Segretario dell’Autorità di Bacino regionale che, con due distinte note del 23 novembre e 12 dicembre del 2013, ha espresso il parere negativo sulla realizzazione del Megalò 2, in quanto in netto contrasto con la normativa del Piano stralcio di difesa ambientale che non consente in alcun caso aumenti del rischio idraulico, anche in situazioni di ‘pericolosità idraulica moderata’, come quella che caratterizza l’area di progetto. Non risulta che il parere negativo sia mai stato ritirato dall’Autorità di Bacino, perché fra l’altro non è ritirabile; e anche i lavori di prolungamento dell’argine, recentemente autorizzato dal Comitato di Via, non fanno decadere la classe di pericolosità, dunque il parere negativo".

"Riteniamo – ha aggiunto il capogruppo Sospiri – che quelle presentate siano Osservazioni non formali, ma sostanziali, di cui siamo certi che la Commissione di Via dovrà tener conto. Megalò 2 ricade senza alcun dubbio nella vasca di espansione naturale del fiume e non possiamo avallare da un lato quel progetto, e dall’altro imporre ai comuni ‘virtuosi’ del pescarese la realizzazione di vasche di laminazione, invadendo terreni e proprietà, per mettere riparo ai danni urbanistici commessi nel passato sulle aree fluviali”.

 

Capogruppo Forza Italia Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri

Contatti

redazione@collinedoro.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK