Rimani sempre aggiornato sulle notizie di collinedoro.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Lo Chef consiglia: Zuppa di fagioli Tondino del Tavo

lo chef oggi prepara un piatto della tradizione contadina, con un prodotto DOP del nostro territorio

| di Lo Chef consiglia
| Categoria: Enogastronomia | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Il fagiolo “ tondino del Tavo” negli ultimi anni, grazie al suo consorzio di tutela e alla sua riscoperta alimentare è tornato sulle tavole degli abruzzesi, ma non solo. Legume piccolo e tondeggiante, si narra di esso, che fu portato tra le rive del fiume tavo nel  XIII secolo, niente meno che dai templari.  Coltura tardiva, che richiede tanta irrigazione, per questo nella storia veniva coltivato esclusivamente a ridosso dei fiumi, il Tavo, nella fatti specie. Coltivato da Farindola,  Penne, passando per Loreto, Moscufo, Collecorvino, fino a Cappelle sul Tavo , viene chiamato volgarmente dai contadini "fasciol a busciell", per le sue forme e dimenzioni che ricordano più un pisello che un fagiolo. Le antiche origini lo vedono nascere proprio nella valle del fiume, tra Cappelle Sul Tavo e Congiunti di Collecorvino. Oggi viene coltivato da molte aziende agricole della zona, e rappresenta un prodotto unico e legato ad un territorio, che il consorzio di tutela difende e diffonde in tutto il mondo.

Lo chef oggi vuole proprio realizzare una zuppa con il fagiolo tipico della Val Tavo: Zuppa di fagioli bianchi tondino del Tavo, una ricetta semplice, quanto storica e legata alle tradizioni contadine

Gli ingredienti:

  • fagioli bianchi tondino del Tavo
  • carota
  • sedano
  • una cipolla
  • aglio
  • erbe aromatiche
  • brodo di verdure
  • pepe, sale
  • olio extravergine di olive

Per prima cosa è importante lasciare i fagioli un giorno prima in ammollo con acqua fredda, il tondino, a differenza da altre tipologie di fagioli, richiede  più tempo in acqua, quindi lasciarlo 1 giorno intero in ammollo, potrebbe essere necessario.

Una volta in cottura, per prima cosa preparare il soffritto, inserendo tutti gli ingredienti: tagliare molto finemente le patate, le cipolle, il sedano e le carote. Lasciate soffriggere per qualche minuto: scolate e sciacquate bene i fagioli, prima di aggiungerli al soffritto. Una volta aggiunti i fagioli, lasciate cuocere a fuoco lento per circa 3 ore,  aggiungendo il brodo vegetale quanto occorre.

La zuppa di fagioli è un piatto con un elevato valore nutrizionale, equilibrato e ricco di nutrienti essenziali come proteine, vitamine, amido e fibre. Abbinato con frutta e verdura fresca costituisce un ottimo pasto unico.

Lo Chef consiglia

Contatti

redazione@collinedoro.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK