Rimani sempre aggiornato sulle notizie di collinedoro.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Spelt: Spoltore a tutta Birra

Cominciato il 7 ottobre il Festival della birra artigianale

| di Maria Luisa Abate
| Categoria: Enogastronomia | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Spoltore in festa, ieri 7 ottobre, si è inaugurato il Festival della Birra con vari punti d’incontro all’interno del Centro Storico per promuovere un prodotto di eccellenza del territorio: la birra artigianale.

Alle ore 19.00 gli studenti dell’Istituto Alberghiero De Cecco di Pescara, erano pronti e sorridenti per accogliere gli ospiti e condurli all’interno dell’area organizzata per l’evento.

Nell’area accanto alla chiesa, Largo San Giovanni, già attiva la band musicale pronta ad allietare tutte le persone che potranno godere della manifestazione e che oltre alla birra artigianale potranno gustare piatti cucinati con la bevanda.

Nei locali, che erano della Società Operaia, facenti parte del gruppo monumentale della chiesa, è stato allestito uno showcooking con gli insegnanti di cucina e di sala dell’Alberghiero.

Tanti gli studenti interessati all’evento che, con le loro divise di lavoro, hanno accolto sorridenti e professionali gli ospiti con il loro insegnante Vincenzo Gambino.

Lo showcooking ha avuto come soggetto la birra quale elemento antico e nuovo della cucina.

L’assistente tecnico Vincenzo Florindi, con studenti di sala e di cucina, ha preparato un piatto di trofie, dove la birra ha avuto un ruolo importante per l’esaltazione del gusto, che è stato poi servito ai convenuti per farne assaporare il gusto.

Come padroni di casa il Sindaco Di Lorito e l’Assessora Chiara Trulli visibilmente soddisfatti anche dal fatto che la pioggia, che aveva imperversato per l’intera giornata, aveva lasciato un cielo sereno e pieno di aspettative positive.

Il sindaco ha presentato l’evento dicendo:

“Dopo le prime due edizioni, questa sarà quella in cui cercheremo di raggiungere una maturità che ne fa un evento consolidato. Abbiamo puntato su birrifici di rilevanza nazionale, oltre che regionale, per valorizzare le tipicità del nostro territorio. Questo Festival, non vuole essere uno dei tanti Oktober Fest in cui si beve e basta. La città di Spoltore ha voluto organizzare questo festival per promuovere il territorio facendolo conoscere attraverso un prodotto d’eccezione che, fatto sul luogo, utilizza i prodotti tradizionali dell’agricoltura locale a km zero e come amministrazione abbiamo puntato molto su questa manifestazione che segue quella oramai consolidata di Spoltore Ensemble”.

La Preside dell’Istituto Alberghiero Alessandra Di Pietro ha ringraziato il Sindaco per l’opportunità data alla scuola, da lei diretta, e a tutti gli insegnanti e gli studenti, di fare un’esperienza del genere.

“La formazione didattica e professionale - ha detto la Preside. - Dei nostri ragazzi si snoda attraverso momenti di cultura ad ampio spettro e attraverso esperienze fatte sul campo. L’evento promosso dal Comune di Spoltore valorizza i prodotti tipici del territorio e i nostri studenti futuri professionisti della ristorazione e dell’accoglienza turistica devono conoscere le tipicità e le bellezze della nostra terra e, la birra artigianale, è sicuramente una bevanda che ben si presta a sperimentazioni gastronomiche sia come materia prima sia come accompagnamento di ricette tradizionali con prodotti della terra e del mare”.

Oltre ai due showcooking sono stati organizzati due laboratori del gusto sempre per dimostrare l’abbinamento delle ricette con la birra.

A parlare della birra artigianale un produttore di Loreto Aprutino Yuri Ferri che ha detto dell’origine della birra, probabilmente scoperta casualmente dopo la fermentazione di una pietanza a base di orzo, e il cui uso si fa risalire addirittura ai popoli Sumeri e Babilonesi.

In tandem con il produttore, l’insegnate Scienza dell’Alimentazione dell’Istituto Alberghiero Pamela Confolone ha parlato delle qualità organolettiche della birra come alimento da utilizzare nella dieta giornaliera.

Un secondo showcooking in largo san Giovanni è stato tenuto dalla Lady Chef Enza Liberati che anch’essa, sempre con l’ausilio degli studenti di cucina e di sala, ha preparato e fatto degustare ai presenti un piatto preparato con l’ingrediente birra.

Il pasticciere Federico Anzellotti, presidente nazionale della Conpait, organizzerà una ricetta di un dolce a base di birra.

Importante è l’intervento dell’associazione degli agriturismo Terranostra che con Coldiretti e campagna Amica, partecipano al Festival con un evento solidale dal titolo “L’amatrice Solidale” dove si preparerà il piatto con la ricetta originale dell’amatriciana.

Il ricavato sarò devoluto in beneficenza alle popolazioni che il 24 agosto sono state travolte dal terremoto.

I produttori locali di birra artigianale presenti sono: Almond 22, Leardi, Desmond, Opperbacco, Anbra, Maiella e Golder Rose.

Maria Luisa Abate

Contatti

redazione@collinedoro.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK