Rimani sempre aggiornato sulle notizie di collinedoro.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Cepagatti Nuove opportunità in materia edilizia.

Incontro di presentazione della legge regionale 40: recupero dei vani, garage e superfici accessorie

| di Maria Luisa Abate
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Mercoledì 4 ottobre alle ore 19.00 presso la Cisterna del Castello Marcantonio i consiglieri e assessori del gruppo consiliare "Progetto Cepagatti" Annalisa Palozzo, Gianni Tatilli e Camillo Sborgia organizzano un incontro pubblico per discutere della legge regionale 40: "Disposizioni per il recupero del patrimonio edilizio esistente. Destinazioni d'uso e contenimento dell'uso del suolo, modifiche alla L.R. 96/2000 ed ulteriori disposizioni" in vista del prossimo recepimento della suddetta legge da parte del consiglio comunale cepagattese.

Parteciperanno all'iniziativa l'Assessore all'urbanistica della Regione Abruzzo Donato Di Matteo, relatore della Legge 40, l'Architetto Bruno Celupica Responsabile del Servizio Governo del Territorio della Regione Abruzzo, il Sindaco Sirena Rapattoni, l'Arch. Massimo D'Angelo Responsabile dell'Ufficio Urbanistico del Comune di Cepagatti e numerosi tecnici e professionisti del settore.

La legge, da poco approvata in consiglio regionale, ha riscontrato sin da subito grande interesse, rappresentando un importantissimo strumento per il recupero delle superfici non residenziali che permetterà il cambio d’uso abitativo ai locali oggi destinati a ripostigli, dispense o alle superfici accessorie

      "In vista dell'adozione della legge a livello locale abbiamo voluto incontrare i tecnici e i cittadini" -       spiega l'Assessore Palozzo" - per discutere insieme a coloro i quali ne beneficeranno di questo importante provvedimento che darà alle famiglie la possibilità di adeguare la propria abitazione trasformando le superfici accessorie in residenziali senza il timore di incorrere in sanzioni e alle amministrazioni comunali l'opportunità di disporre dei proventi derivanti dai recuperi abitativi, per opere di urbanizzazione, spazi verdi, parcheggi e servizi per la collettività. Un momento di incontro in cui sono ben accetti suggerimenti tecnici per perfezionare il recepimento di questa legge che apre in materia urbanistica favorendo nuove utilità di abitazione per chi deve realizzare dimore per i propri figli impedendo così nuove edificabilità e consumo di suolo".

Maria Luisa Abate

Contatti

redazione@collinedoro.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK