Rimani sempre aggiornato sulle notizie di collinedoro.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

L'Associazione Fontevecchia di Spoltore ed il gemellaggio con il Campo dei Briganti di Caspoli

| di Associazione Fontevecchia
| Categoria: Associazioni | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Un gemellaggio nato nel nome e ricordo della Brigantessa Michelina Di Cesare, celebrata ogni anno a Spoltore, nel Borgo Case Troiano, durante il Festival ‘Notti della Brigante’, e protagonista a Caspoli, la frazione di Mignano Montelungo di cui era originaria la stessa brigantessa, della rassegna ‘Campo dei Briganti’. È quello che è stato sugellato lo scorso 2 settembre e che ha visto protagonista l’Associazione Fontevecchia di Spoltore che proprio a Caspoli ha portato un appendice dell’edizione 2017 del Festival.

“Il Festival ‘Notti della Brigante’ ci ha consentito, negli ultimi sette anni, di scoprire un pezzo della storia della nostra terra e di stringere collaborazioni importanti con realtà che si occupano di raccontare e far conoscere quella storia, senza intenti nostalgici, ma esclusivamente per sottolineare il legame con le nostre radici – ha ricordato il Presidente dell’Associazione Fontevecchia Luciano Troiano -. E tra queste realtà spicca il Museo Historicus di Caspoli, il Primo Museo sulla Seconda Guerra Mondiale, riconosciuto dal Ministero per i Beni Culturali. Per l’occasione a Mignano abbiamo portato le nostre zampogne d’Abruzzo, con Settimio Rapposelli che, a conclusione della visita nella casa natale della Brigantessa Di Cesare ha eseguito ‘Il Saluto a Michelina’”. “Michelina non era un’eroina e non avrebbe voluto esserlo – ha ricordato il Direttore del Museo Historicus  ai presenti -, ma era una ragazza giovanissima, come tante altre, che si è ritrovata a dover difendere la sua terra, il suo regno, e semplicemente non si è tirata indietro, è scesa in campo divenendo una ‘capobanda’, ovvero assumendo un ruolo di comando anche di gruppi di briganti uomini che le riconoscevano autorevolezza. A 27 anni è stata tradita da qualcuno che ben conosceva i suoi nascondigli sul Monte Morrone, è stata catturata, uccisa con diversi colpi di fucile e le testimonianze raccontano di come il suo corpo vilipeso sia stato addirittura esposto in piazza affinchè fosse di monito a testimoniare qual era il destino dei briganti. Nulla di più sbagliato però voler accomunare la figura di Michelina Di Cesare a quello delle ‘prime femministe’. Michelina, così come le donne dell’epoca, non avevano bisogno di rivendicare alcunchè visto che nel territorio di Mignano c’erano fabbriche in cui trovavano occupazione tanto gli uomini quanto le donne, considerati pari in tutto, dunque quella che fu la storia del brigantaggio non va mai attualizzata. Quella era la battaglia per la difesa di un regno in cui i perdenti sono rimasti, gli sconfitti sono morti o sono emigrati”. La giornata a Caspoli è proseguita sempre con l’Associazione Fontevecchia che ha presentato il volume ‘Abbasso la Lega Nord’ di Massimo Carulli, già protagonista della seconda serata di Notti della Brigante dove l’autore ha esposto per la prima volta le tavole del suo fumetto brigantesco, poi portate anche a Torricella Peligna in occasione del Festival dedicato a John Fante. “Il lavoro di Carulli – ha spiegato Troiano nel corso dell’intervista – è nato da un viaggio in Basilicata dove ha riscontrato molte analogie con i problemi abruzzesi: una regione verde con problemi ambientali legati all’estrazione del petrolio e all’emigrazione così come in Abruzzo dove c’è il problema irrisolto della discarica di Bussi ed i giovani che abbandonano la regione dopo aver completato gli studi. Quello di Carulli dunque, che ha il titolo provocatorio di ‘Abbasso la Lega Nord’, è un fumetto di constatazione e di denuncia, proposto in maniera semplice e diretta, parlando il linguaggio immediato dell’immagine e della vignetta, in cui due pagine sono dedicate alla figura della Brigantessa Michelina”. Presente all’evento il sindaco di Mignano Montelungo, Antonio Verdone, che ha ringraziato l’Associazione Fontevecchia per la “splendida manifestazione dedicata alla ‘brigantozza Michelina’ consentendo il gemellaggio tra Mignano e Spoltore, la città che peraltro ospita l’unico monumento alla brigantessa esistente in Italia”. E lo stesso sindaco Verdone ha assicurato la sua presenza nell’edizione 2018 di Notti della Brigante, in occasione delle celebrazioni per il centocinquantesimo anniversario della morte di Michelina Di Cesare, già in fase avanzata di preparazione.

Intanto nel periodo autunnale l’Associazione Fontevecchia sarà protagonista di una lunga serie di collaborazioni. Per fine ottobre l’Associazione porterà a Napoli, con l’Associazione ‘I Sedili di Napoli’, la processione dei Frati Morti, uno dei momenti clou dell’evento ‘La Tavola dei Morti’ che, come sempre, si svolgerà tra il primo e il 2 novembre, in modo da esportare un pezzo delle tradizioni abruzzesi anche in terra campana e favorirne la conoscenza e la divulgazione.

 

Associazione Fontevecchia

Contatti

redazione@collinedoro.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK